Titolo dell’incontro:

“Un passo in più… per leggere la mafia”

PREMESSA:

“ I giovani e la mafia ? E’ un problema di culture non in senso restrittivo e puramente nozionistico ma come insieme di conoscenze che contribuiscono alla crescita delle persone. Fra queste conoscenze vi sono quei sentimenti, quelle sensazioni che la cultura crea e che ci fanno diventare cittadini, apprendendo quelle nozioni che ci aiutano ad identificarci nelle istituzioni fondamentali della vita associata o a riconoscerci in essa”

La scuola deve promuovere l’acquisizione di una coscienza civile e della legalità; far accrescere il senso di legalità e far nascere nelle nuove generazioni comportamenti quotidiani e positivi nel rispetto delle regole della convivenza civile, nella consapevolezza dei propri diritti e doveri.

DESTINATARI:

Tutte le classi quinte della scuola primaria, e alcune classi della scuola secondaria di primo grado dell'Istituto Comprensivo Rita Levi-Montalcini con una partecipazione prevista di circa 250 ragazzi

OBIETTIVI:

Sviluppare una coscienza civile costituzionale e democratica;

Educare alla legalità nella scuola e nelle istituzioni;

Favorire un atteggiamento di convivenza rispettosa delle regole;

Acquisire la capacità di discutere, affrontare problemi, indicare soluzioni;

Capire che la pluralità dei soggetti è una ricchezza per tutti.

Per le classi quinte della scuola primaria è stata proposta la lettura del libro “Per questo mi chiamo Giovanni” di Luigi Garlando e la visione del film – documentario “Io ricordo” di Ruggiero Gabbai”

Per le classi della scuola secondaria sono state proposte ai ragazzi varie letture di testi.

Attraverso le letture e i filmati si cercherà di stimolare un dibattito e si cercherà di far emergere l’importanza della responsabilità personale di ognuno. Ogni singolo comportamento è in grado di caratterizzare la società in cui vive e può fare la differenza.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.